E’ nata???

Da un paio di giorni, per la vie di Solbiate, sono apparsi dei manifesti che lasciano libero sfogo all’immaginazione…

IMG-20140331-WA0006

 

IMG-20140331-WA0005

IMG-20140331-WA0004

Annunci

Un premio finto per degli sportivi veri

Sono arrivato ad un punto di non ritorno, nel senso che mi manca la forza di partecipare a messe in scena come quella di ieri sera. Sport e sportivi sono stati attori inconsapevoli di una pièce teatrale, quasi nauseante, che non rappresentava per niente i valori dello sport. E allora cos’è?

Solo una scatola vuota, come buona parte delle cose di questa amministrazione.

Se Solbiate non è attrattivo a livello sociale come fa ad essere un fiore all’occhiello per lo sport? La piscina è all’avanguardia perchè a Fagnano e ad Olgiate non è presente  , ma in confronto a Gorla Minore, Cassano e Tradate?

Le eccellenze, Golf e Caserma Nato, per definirsi tali devono essere fruibili dalla cittadinanza. ACES si è preoccupata di saperlo? Ve lo dico io..NO, perchè nessuna di queste lo è.

Andate a vedervi i comuni che sono stati premiati quest’anno. Il nostro competitor, come numero di abitanti, era Saint Vincent . Giudicate voi, ora, i criteri per l’assegnazione delle bandiere.

Concludo facendo una riflessione. Un gran galà dello sport a fine marzo  può aprire la stagione sportiva? No, e se vi chiedete il perchè di un evento del genere leggetevi questo:

Articolo 5 – Impegni per la città nominata
5.1 – In caso di assegnazione del riconoscimento di “Capitale”, “Città” o “Comune” europeo dello sport, ciascuna Amministrazione Comunale è tenuta a rispettare il seguente elenco di attività minime da svolgere durante l’anno in cui sarà in carica:
– n°1 Cerimonia/conferenza stampa di presentazione ed apertura delle attività, alla presenza di rappresentanti ACES, in funzione del titolo conseguito;
– Vari eventi sportivi di grande rilevanza (internazionale, nazionale, regionale, locale), a cui dovranno presenziare rappresentanti ACES, in numero non inferiore a 36 per le Capitali, 24 per le Città e 12 per i Comuni;
– n°1 Cerimonia/evento di valore sportivo e culturale europeo – con tema a scelta ed in funzione del titolo conseguito – da effettuarsi al termine delle attività entro l’anno di carica, a cui dovranno essere invitate rappresentanze di tutte le Amministrazioni comunali che hanno conseguito i riconoscimenti ACES nell’anno.

Da sportivo, un premio ‘obbligato’ non rappresenta quella che è la mia idea di sport. Il sacrificio, la fatica, gli infortuni, le gioie e le delusioni sono stati calpestati.I nostri atleti sono un valore aggiunto per il paese. Onore ai premiati, mi spiace solo che quel premio, dopo queste righe, se lo godranno di meno.solbia

 

 

‘Partito per i cittadini’…si,certo.

Venerdì è andata in scena un’assemblea che definire ridicola è limitativo.

Un auto-celebrazione in piena regola quella che il sindaco Melis ha offerto ad un pubblico che ha solo potuto ascoltare, alla faccia del famigerato  dialogo costante con la cittadinanza! Ma svisceriamo alcune delle eccellenze messe in onda:

– sulla questione studio di Confartigianato non mi dilungo perchè è già spiegato qui:

se ci fosse stata la possibilità di intervenire sarebbe stato smentito subito. Ammettere le cose negative è da signori, nasconderle è da codardi. Pensare che i propri cittadini siano degli ignoranti è ancora peggio.

– parco sgambamento cani: ‘ se devo scegliere tra l’aiutare una famiglia bisognosa e creare il parco per i cani, scusate, ma le risorse preferisco usarle per la famiglia’. Ma chi ti ha chiesto qualcosa, soprattutto soldi! Bastava concedere il terreno che al resto avremmo pensato noi.

viabilità:se la modifica di via Varese è servita a salvare anche solo una vita, sono contento di averlo fatto’. Bene, a memoria e per fortuna, c’è stato un solo investito in via Varese. Dove?  Dove ora le auto raggiungono la velocità massima, poco prima della via Milano(salendo da via Patrioti), a dimostrazione che questo tratto risultava pericoloso già prima della recente modifica dell’incrocio tra via Vicenza e via Papa Giovanni. Per non parlare poi della mancanza di attraversamenti pedonali, dello stop di via Papa Giovanni che non rispetta nessuno e dei lampioni non funzionanti che creano un piacevole effetto notte ma che sono un doloroso calcio in culo per la sicurezza delle persone.

– comune europeo dello sport: ‘la bandiera ci è stata assegnata grazie a delle eccellenze come il campo da golf e la caserma Nato’. Ma col comune cosa c’entrano?

poi c’è la scuola, protezione civile, Pro loco, il PGT e il sociale…

In conclusione, se lo scopo era vantarsi del lavoro svolto era meglio non organizzare niente, soprattutto se si era già scelto a priori di non avere un confronto con chi potrebbe garantirti un altro mandato. La Voce Solbiatese si presenta come ‘partito per i cittadini’ ma questi 5 anni dimostrano, per usare il gergo calcistico, che ci considerano da Terza Categoria . Facciamoci una risata

http://www.dailymotion.com/video/xi7rud_mai-dire-lucarelli-il-sindaco-di-australia_fun